Belen Rodriguez riceve il tapiro da Striscia la Notizia: difende la sorella e attacca Malgioglio [VIDEO]

Striscia la Notizia è tornata con la nuova edizione e ha deciso di partire in grande stile, consegnando uno dei primi tapiri alla showgirl argentina Belen Rodriguez. Stavolta la colpa però non è di Belen, ma della sua sorellina Cecilia, concorrente del Grande Fratello Vip: la doccia super hot della piccola Rodriguez non è passata per niente inosservata, tanto che alcuni telespettatori hanno chiesto la chiusura del reality. Belen ha dichiarato: “È stato un movimento un po’ disgraziato, oddio, disgraziato forse per lei, forse meno per i maschietti. che guardavano. Comunque non dovevano inquadrare proprio lì”. La Rodriguez ha voluto pronunciarsi anche su un altro concorrente della casa, Cristiano Malgioglio: “A furia di guardarlo 24 ore su 24 mi sta venendo l’orticaria! tu ce la faresti a stare 24 ore su 24 con Malgioglio dentro alla casa?”

Photo Credits Facebook

L’articolo Belen Rodriguez riceve il tapiro da Striscia la Notizia: difende la sorella e attacca Malgioglio [VIDEO] proviene da Velvet Gossip.

Articolo originale su Velvet Gossip

Gocce di Gossip: intesa tra Bettarini e Venier, nuovo amore per Bernabei…

Gocce di Gossip: intesa tra Bettarini e Venier, nuovo amore per Bernabei...Indiscrezioni, rumors, pettegolezzi e molto altro ancora nella rubrica di Velvet Gocce di Gossip! Questa volta vi parliamo di Patrick Ray Pugliese, Alessio Bernabei, Emanuele D’Avanzo, Alessandra De Angelis, Serena Rossi, Stefano Bettarini, Mara Venier!

PATRICK RAY PUGLIESE: ad un anno dalla fine della storia d’amore con l’ex gieffina Martina Pascutti (da cui ha avuto anche un figlio di nome Leone) sembra che abbia ritrovato un nuovo amore, come rivela il portale Isa&Chia.

 

ALESSIO BERNABEI: il cantante ha un flirt con Giorgia Proietti, ventenne vista ai casting dello scorso anno di Amici di Maria De Filippi? “Magari… al mio fianco ancora ho solo voi e voglio avere solo voi”, ha risposto lui.

Gocce di Gossip: Beatrice Valli, Alessio Bernabei, Nicole Mazzocato e...

 

EMANUELE D’AVANZO E ALESSANDRA DE ANGELIS: è nata la figlia dei due ex protagonisti di Temptation Island. “Quando ho visto quel cuoricino pulsare ho capito cosa vuol dire essere padre… precisamente da quel momento mi è cambiata la vita”, ha scritto lui.

 

 

SERENA ROSSI: l’attrice condurrà su Rai 1 dal 14 ottobre, affiancata da Neri Marcorè, il nuovo show musicale dal titolo Celebration. “Non ho la febbre dell’Auditel. Il mio unico pensiero sarà quello di dare il massimo”, ha detto a Tv, Sorrisi e Canzoni.

Serena Rossi debutta a Detto Fatto: Caterina Balivo inizia a "tremare"? [VIDEO]

 

STEFANO BETTARINI E MARA VENIER: l’ex marito e l’attuale suocera di Simona Ventura si salutano affettuosamente in una nota pasticceria di Milano, come mostrano le immagini pubblicate dal settimanale Chi. Cosa nascondono?

Gocce di Gossip: Stefano Bettarini si sposa? Valeria Marini ha un nuovo amore?

 

Photo Credits Facebook

L’articolo Gocce di Gossip: intesa tra Bettarini e Venier, nuovo amore per Bernabei… proviene da Velvet Gossip.

Articolo originale su Velvet Gossip

Il movimento è morto, viva il movimento!

Pochi giorni fa a Rimini abbiamo assistito a una metamorfosi politica che non può far altro che confermare ciò che gli anarchici sanno da sempre: votare non serve a niente! Se votare servisse a qualcosa, sarebbe vietato dalla legge. E invece, il Sistema tende sempre a conservare se stesso. Il Movimento 5 Stelle, nato come espressione dei malumori dei cittadini stanchi dei giochetti politici, si è rivelato per quello che era fin dall’inizio: il modo con cui la Massoneria giudaica che comanda occultamente il mondo imbriglia il dissenso e il malcontento della popolazione. Con Di Maio al posto di Renzi, secondo i piani della Massoneria, si avrà la fotocopia del regime che abbiamo sempre avuto, a prescindere dalle finte schermaglie e contrapposizioni che in tivù hanno propinato ai telespettatori per farci credere di aver a che fare con un’opposizione che si opponeva al governo. Tutti i temi importanti sono stati accantonati e nel programma del M5S non c’è più l’uscita dalla UE, né dall’euro, né dalla NATO e i parlamentari si avviano a diventare politici di carriera, come tutti gli altri. A questo punto sorge spontanea la domanda: cosa li abbiamo votati a fare?


Articolo originale su Veritas vincit

Sei bambine violentate nell’asilo della moglie: la storia del marito mostro

Sei piccole innocenti violentate dal mostro. Le bimbe,  frequentavano il nido di sua moglie e lui ne ha approfittato. E’ la storia triste di  Dennis Ray Avery, 58enne di Waxahachie, nello Stato USA del Texas.

Per il mostro folle la giuria ha deciso per una condanna  a morte. Ha abusato di bambine che avevano meno di sei anni e non si sa quando abbia iniziato a compiere questo scempio.

il quotidiano locale Waxahachie Light, riporta che Avery in tribunale ha ammesso di aver cominciato ad sentire “interesse per le bambine” quando aveva circa 30 anni. Sarebbe riuscito a sopprimere i propri istinti fino all’ottobre dell’2015, quando ha subito un grave infortunio alla testa nel corso di un incidente stradale. “Ho dovuto lottare con la mia fede e ho abbandonato Dio. Stavo cercando di essere tutte le cose che dovevo essere. Ho dovuto smettere di insegnare scuola di domenica “, ha detto Avery in tribunale, secondo i media locali. “Forse in prigione potrò avere qualche aiuto e qualcuno può spiegarmi come fare” ha aggiunto Avery.

L’avvocato dele sei vittime del mostro ha dichiarato:. “Ha rubato l’innocenza di sei bambine”, ha riferito l’avvocato distrettuale della contea di Ellis, Nicole Craig, in tribunale. “La verità è che non importa quanto sia gentile o quante volte sia andato in chiesa. Queste sei bambine non sono le uniche vittime, ma lo sono anche i loro i genitori. Bisogna dare loro una risposta”

 

www.fanpage.it

L’articolo Sei bambine violentate nell’asilo della moglie: la storia del marito mostro proviene da Actionweb24.com.

Articolo originale su Actionweb24.com

La vicenda di Anania e Saffira: uccisi da Pietro per denaro?

Una vicenda al quanto strana quella di Anania e Saffira due personaggi del Nuovo Testamento che decisero di vendere un campo che possedevano e di offrire una parte del ricavato agli Apostoli, dicendo però che si trattava dell’intera somma.

Nella primitiva comunità cristiana vigeva un regime di proprietà collettiva, nel quale era sentito l’obbligo di offrire i propri beni agli apostoli, perché li distribuissero a tutti; il peccato di Anania non sta tanto nel fatto che si era appropriato di una somma destinata alla comunità e che aveva mentito davanti agli apostoli, quanto, piuttosto, che aveva mentito allo Spirito Santo.

«Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette» (Mt 18,22) 

Gesù con queste sue parole risponde a Pietro che, dopo aver ascoltato cose meravigliose dalla sua bocca, gli ha posto questa domanda:

Signore, quante volte dovrò perdonare a mio fratello, se pecca contro di me? fino a sette volte?”.

E Gesù:

“Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette”.

Pietro, probabilmente, sotto l’influenza della predicazione del Maestro, aveva pensato di lanciarsi, buono e generoso com’era, nella sua nuova linea, facendo qualcosa di eccezionale: arrivando a perdonare fino a sette volte.

Nel giudaismo infatti si ammetteva un perdono di due, tre volte, al massimo quattro. Ma Gesù rispondendo: “… fino a settanta volte sette”, dice che per lui il perdono deve essere illimitato: occorre perdonare sempre.

 Anania e Saffira Atti degli Apostoli – 5

1- Un uomo di nome Anania, con sua moglie Saffìra, vendette un terreno 2- e, tenuta per sé, d’accordo con la moglie, una parte del ricavato, consegnò l’altra parte deponendola ai piedi degli apostoli.

3- Ma Pietro disse: «Anania, perché Satana ti ha riempito il cuore, cosicché hai mentito allo Spirito Santo e hai trattenuto una parte del ricavato del campo? 4- Prima di venderlo, non era forse tua proprietà e l’importo della vendita non era forse a tua disposizione? Perché hai pensato in cuor tuo a quest’azione? Non hai mentito agli uomini, ma a Dio».

anania e saffira con gli apostoli

5- All’udire queste parole, Anania cadde a terra e spirò. ” Un grande timore si diffuse in tutti quelli che ascoltavano. 6- Si alzarono allora i giovani, lo avvolsero, lo portarono fuori e lo seppellirono. 7- Avvenne poi che, circa tre ore più tardi, entrò sua moglie, ignara dell’accaduto.

8- Pietro le chiese: «Dimmi: è a questo prezzo che avete venduto il campo?». Ed ella rispose: «Sì, a questo prezzo».

9- Allora Pietro le disse: «Perché vi siete accordati per mettere alla prova lo Spirito del Signore? Ecco qui alla porta quelli che hanno seppellito tuo marito: porteranno via anche te».

10- Ella all’istante cadde ai piedi di Pietro e spirò. Quando i giovani entrarono, la trovarono morta, la portarono fuori e la seppellirono accanto a suo marito. 11- Un grande timore si diffuse in tutta la Chiesa e in tutti quelli che venivano a sapere queste cose.

Poniamoci delle domande?

Anania quando cadde a terra aveva avuto un infarto? Un ischemia? Oppure l’aveva ucciso Pietro? Perché non potevano permettersi che qualcuno ragionasse con la sua testa e gli ordini andavano eseguiti?

Oppure l’ha fatto morire Dio? Che sarebbe peggio ancora.

E sua moglie Saffìra, anche lei morta d’infarto all’istante?

Questo non era il gruppo del perdonare settanta volte sette?

Adesso vediamo più da vicino cosa ci racconta il vangelo di Luca 8:

Giovanna, moglie di Cuza, amministratore del re Erode, incaricato di palazzo e responsabile degli affari domestici, Susanna e molte altre che contribuivano coi loro mezzi al mantenimento di Gesù e dei suoi discepoli.

Che differenza c’è con i guru attuali che si fanno mantenere da donne benestanti? In tre anni di predicazione Gesù Cristo non ha fatto un giorno di lavoro, e siccome non c’era il sussidio di disoccupazione se non lavoravi non mangiavi, a meno che non facessi il mantenuto come la Bibbia stessa ci dice, basta leggere e capire che tutta una serie di cose che ci vengono raccontate non trovano riscontri nei testi.

Il perdonate 70 volte sette dove trova riscontro visto che al primo sgarro pagavi con la vita, tra l’altro sgarro sul denaro.

Andiamo avanti, Luca 12-49:

Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! C’è un battesimo che devo ricevere; e come sono angosciato, finché non sia compiuto!

Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. D’ora innanzi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due e due contro tre; padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Una sola risposta, non si doveva sgarrare con quella setta, altrimenti morivi.

Questi erano i discorsi che facevano gli zeloti, essi erano una setta anti romana, un gruppo di taglia gole che uccidevano in famiglia chi non la pensava come loro.

A cura di Ufoalieni.it

L’articolo La vicenda di Anania e Saffira: uccisi da Pietro per denaro? sembra essere il primo su Ufo e Alieni.

Articolo originale su Ufo e Alieni

Gianluigi Paragone: “Cairo mi paga per non fare niente..”

Il conduttore lancia la provocazione al proprietario di La7

Il programma televisivo “La Gabbia” condotto da Gianluigi Paragone è stato cancellato dal nuovo direttore il 28 giugno di quest’anno. Da allora Paragone è inattivo sulla rete ed in un intervento a “Un giorno da pecora”, programma di Rai Radio 1, ha scherzato sulla sua situazione lavorativa: “Perché la dovrei risolvere? Mi sta pagando per non fare niente…anzi non diteglielo, se se ne accorge Cairo sono cavoli”.

Paragone nell’ultimo periodo si sta dedicando ad una pièce teatrale in giro per l’Italia: “Con il mio spettacolo, con la musica e con i libri non guadagno niente. Poi però mi faccio pagare da Cairo per…non fare niente”.

Filippo Bisciglia: dieci anni d’amore con Pamela Camassa | LEGGI

Il conduttore sembra però aver accettato la scelta del nuovo direttore Andrea Salerno senza rancore: “Quando arriva un direttore ha tutto il diritto di fare le sue scelte, anche di chiudere i programmi che non gli piacciono. Lui me lo ha detto in faccia: il tuo programma non mi piace, non è una questione di ascolti o di costi. Punto e basta. Per me un direttore ha tutto il diritto di fare le sue scelte, nessun vittimismo”.

Social House: ecco il nuovo programma dei The Show | LEGGI

Ha concluso poi parlando del suo futuro sulla rete: “Secondo me non farò niente, dovevamo partire a novembre con una cosa. Ma la squadra non c’è. I miei ragazzi, per fortuna, sono andati in altre produzioni, da “Le Iene” a “Mi manda Raitre”. Voci inasistenti avvicinavano, infatti, Paragone ad alcuni speciali in prima serata su La7.

Mattia Landoni

L’articolo Gianluigi Paragone: “Cairo mi paga per non fare niente..” proviene da Rumors.it.

Articolo originale su Rumors.it

INDOVINA UN PO’? IL PRETE INDAGATO PER LE ONG ORA DÀ LEZIONI DI ACCOGLIENZA AGLI STUDENTI

Padre Zerai, meglio conosciuto come padre Mosè, sarà tra i relatori del convegno “L’Europa inizia a Lampedusa”. Ma è ancora iscritto nel registro degli indagati per la vicenda Ong
 Alla fine ci sarà anche lui. Insieme al ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e al presidente del Senato Pietro Grasso, anche Padre Zerai darà lezioni di accoglienza a 200 studenti italiani che dal 30 sttembre al 3 ottobre parteciperanno al convegno dal titolo “L’Europa inizia a Lampedusa”.

 Padre Zerai, anche noto come Padre Mosè, è pero lo stesso parroco eritreo indagato dalla procura di Trapani nell’ambito dell’inchiesta sulle Ong. Il suo nome è finito nel registro degli indagati nello stesso filone di indagine che ha portato al sequestro della nave Iuventa della Ong Jugend Rettet. A costringere il pm a fare verifiche su Zerai, autore di un libro autobiografico, sono state le rivelazioni di alcuni addetti alla sicurezza della nave Vos Hestia di Save the children. Che tra loro al telefono parlavano di una chat whatsapp tra team leader delle Ong in cui sarebbero arrivati, tra le altre cose, anche messaggi dal prete eritreo in cui veniva segnalata la partenza di barconi dalla Libia, con la destinazione da raggiungere per recuperarli.
Padre Mosè è stato per lungo tempo lodato a destra e a sinistra da tutti quelli che vedono nell’immigrazione senza regole una “risorsa” per il Paese. Laura Boldrini lo ricevette alla Camera dei Deputati e lui stesso ammette che il suo numero di telefono è anche “sulle pareti delle carceri in Libia”.
http://www.ilgiornale.it/

L’articolo INDOVINA UN PO’? IL PRETE INDAGATO PER LE ONG ORA DÀ LEZIONI DI ACCOGLIENZA AGLI STUDENTI proviene da Actionweb24.com.

Articolo originale su Actionweb24.com

Gf Vip, dichiarazione shock: “Prendiamo Malgioglio e lo mettiamo sul rogo”

Marco Predolin, noto conduttore degli anni ’90, è uno dei concorrenti vip della seconda edizione del Grande Fratello Vip; per tutta la settimana l’uomo è diventato capitano della casa più spiata d’Italia, nonostante le numerose polemiche che lo hanno investito e che ancora non sono state chiarite: ecco le dichiarazioni shock di Predolin contro Cristiano Malgioglio e la replica dell’artista.

Marco Predolin è senza dubbio uno dei concorrenti più discussi della seconda edizione del Grande Fratello Vip; l’ex conduttore è diventato capitano della casa più spiata d’Italia durante la terza settimana del reality, ma ci sono alcune polemiche che lo riguardano che ancora non sono state chiarite. 

L’uomo infatti ha esternato durante la settimana alcune dichiarazioni contro Cristiano Malgioglio molto gravi: “La Malgioglia, la Malgioglia… Scusate ma se parlo al femminile di lui, ma è perché lui si propone come donna. Ma quanto se la mena Malgioglio con questa storia che è gay. Parla al femminile di sé. Io ho paura, come si comporta lui. Poi basta deridere e dire ‘divento etero’, ‘divento etero’, ieri lo ripeteva. Certo che i gay possono prendere in giro noi etero e il contrario però no, ma perché?”. In una chiacchierata con Lorenzo Flaherty, Predolin ha aggiunto: “Qui se il Grande Fratello ci regala del rum facciamo casino, smontiamo tutto, finiamo sui giornali davvero. Prendiamo Malgioglio, lo mettiamo sul rogo come Giovanna d’Arco con il suo pigiamino rosso mentre canta Sbucciami”.

Le affermazioni di Predolin sono state riportate durante la terza diretta del reality, ma solo in parte; Malgioglio ha reagito con molta aplomb, ma confidandosi con Giulia De Lellis ha poi confidato: “Io non posso fare altro, già sono indifferente. Io non gli dico nulla. La prossima settimana devono buttarlo fuori. Tutti i social, la settimana prossima devono buttarlo fuori immediatamente, i gay devono buttarlo fuori. Non lo sopporto, mi da fastidio, permetti?! Nasconde quello che ha detto dice che non ha detto niente.. Hai visto come cammina con la testa bassa? Io devo sedermi a mangiare con lui?! Non sopporto Predolin, mi mette ansia, non lo sopporto!”.

Photo Credits: Mediaset Extra

L’articolo Gf Vip, dichiarazione shock: “Prendiamo Malgioglio e lo mettiamo sul rogo” proviene da Velvet Gossip.

Articolo originale su Velvet Gossip

Sesso per strada circondati da cani e passanti: i turisti danno spettacolo [VIDEO]

Sesso per strada circondati da cani e passanti: i turisti danno spettacolo [VIDEO]

Non sono molti coloro che sanno resistere al richiamo della passione. In questa lunga estate 2017 tantissime coppie si sono lasciate prendere dall’istinto animale facendo sesso in luoghi pubblici, noncuranti di ciò che gli accadeva intorno. Ma non è solo il caldo a spingere gli amanti ad amoreggiare in pubblico. Delle volte la passione è così irrefrenabile da farsi travolgere completamente dalla stessa, come questa coppia di turisti, dai tratti chiaramente occidentali, in vacanza in Thailandia. I due si trovavano sul lungomare della cittadina turistica Surat Thani quando si sono abbandonati al vortice della passione. La coppia ha iniziato a fare sesso sul marciapiede che costeggia il lungomare, senza curarsi dei cani che si trovavano accanto a loro. Molti passanti, incuriositi, non si sono persi lo “spettacolo” ed hanno filmato e fotografato la coppia mentre faceva sesso.

Photo e Video Credits Facebook

L’articolo Sesso per strada circondati da cani e passanti: i turisti danno spettacolo [VIDEO] proviene da Velvet Gossip.

Articolo originale su Velvet Gossip

L’ORRORE IN RUSSIA A CASA DI DUE CANNIBALI, ARRESTATI “PER CASO”: 30 VITTIME FATTE A PEZZI E SURGELATE – VIDEO

Alla fine i cannibali avrebbero confessato. Dmitry Baksheev, 35 anni, è un ex dipendente dell’accademia militare di Krasnodav, nella Russia meridionale.

Lui e sia moglie Natalia Barksheeva, infermiera, avrebbero ucciso e mangiato circa 30 persone dal lontano 1999. Alcuni resti del loro macabro rito sono stati trovati in casa: una mano all’interno di un barattolo con cui erano soliti farsi dei selfie, piatti realizzati con pezzi di cadavere e arance, mentre gli organi interni preferivano gustarseli marinati. Cucina dell’orrore. Di cui ora è possibile vedere le immagini in un video choc (guarda il video).

Come scrive il Tempo, l’indagine è scattatta il 12 settembre quando vicino all’”accademia militare di Dzerzhinskogo Street, al civico 135, sono stati trovati sacchetti e una borsa contenenti i resti di una donna”. Indagine dopo indagine, la polizia russa è risalita a questa coppia di cannibali. Scoprendo che quel corpo di donna non sarebbe stato il loro unico “pasto” a base di carne umana. Eppure solo sul questo cadavere è stato possibile realizzare un riconoscimento che portasse ad indentificare la vittima: si tratterebbe di una donna di 35 anni proveniente dalla regione di Kirov. Come le altre presunte vittime, la ragazza sarebbe stata drogata dalla coppia di cannibali e poi sventrata, fatta a pezzi e conservata nella cantina della casa.

Vicino al corpo ritrovato nei pressi dell’Accademia sono state rinvenute immagini horror. Selfe con teste di donne, mani umane tenute tra i denti e via dicendo. Una lunga sequela di scatti degni di un film di Dario Argento. Non solo. Anche la perquisizione a casa, un ostello a cui nessuno osava avvicinarsi, gli agenti guidati da Natalia Smyatskaya hanno trovato “diciannove residui di pelle umana e vasi con pezzi di carne umana messa a macerare”.

Fonte: qui

VIDEO QUI

L’articolo L’ORRORE IN RUSSIA A CASA DI DUE CANNIBALI, ARRESTATI “PER CASO”: 30 VITTIME FATTE A PEZZI E SURGELATE – VIDEO sembra essere il primo su Piovegovernoladro.

Articolo originale su Piovegovernoladro